FINE EMERGENZA NAPOLI (4)

Come promesso Berlusconi è riuscito, addirittura prima del previsto, a ripulire Napoli. Sicuramente ci saranno i soliti catastrofisti, pessimisti ed invidiosi che diranno che Napoli non è per niente pulita, che l’emergenza non è finita e che i rifiuti sono ancora li e quindi che Berlusconi non ha risolto un tubo. Premettendo che egli stesso ha dichiarato che è finita l’emergenza acuta, ma non l’emergenza in generale, i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Dove prima c’erano montagne infinite di rifiuti, ora ci sono cassonetti semi vuoti. Come è stato possibile tutto ciò? Perche il governo Prodi in due anni non è riuscito a fare quello che B. ha fatto in 58 giorni? 2 risposte semplici, semplici. Primo: si è usciti dalla fase acuta con un grande lavoro di squadra che ha visto coinvolti non solo il governo, ma anche la protezione civile e gli amministratori locali anche di centro-sinistra, tutti animati da un unico obiettivo. Secondo: si è usciti dalla fase acuta facendo le cose che bisognava fare e cioè aprire le discariche, avviare la raccolta differenziata e avviare la costruzione dei tanto contestati termovalorizzatori. Tutto ciò con fermezza e decisione e buona volontà. Caratteristiche che assolutamente sono mancate a Prodi e al suo becero governo, nel quale di giorno si promettevano belle cose, ma di notte di remava contro e si ostacolavano le belle cose promesse di giorno. Pecoraro Scanio fu il maggior responsabile di questo disastro impedendo che venissero aperte le discariche, creando litigi e tensioni tra il governo, gli amministratori locali e la protezione civile ( tanto che il responsabile della protezione civile, Guido Bertolaso fu costretto ad abbandonare i lavori) e dando voce a quei pochi facinorosi che per ragioni che nenache loro conoscevano si opponevano con qualunque mezzo all’apertura di una discarica. Non parliamo poi dei termovalorizzatori. Solo il nome faceva drizzare la pelle a metà governo..il perchè? non è dato a sapere. Morale della favola: quando lo Stato fa lo Stato, guardando agli interessi generali i problemi si risolvono. Quando lo Stato latita o fa gli interessi di lobby o personalistici, i problemi si moltiplicano. Lo Stato è tornato a fare il suo lavoro, ad essere presente, a coordinare e controllare. Lo stato è tornato ad usare le maniere forti quando c’è bisogno di misure forti ed è tornato a collaborare  e dialogare con tutti qundo c’è bisogno di dialogare e collaborare, facendo capire il perchè è importante fare una determinata cosa. Il governo si è sempre impegnato per risolvere questo problema nonostante le mille difficoltà e spero che questo serva da stimolo per usare la stessa forza, la stessa determinazione, lo stesso impegno per risolvere la miriade di problemi che attanagliano questo paese a cominciare dalla costruzione di infrastrutture, dall’abbattimento della spesa pubblica e dal rilancio dell’economia. Dopo l’eliminazione dell’ICI e la detassazione degli straordinari, un’altra promessa è stata mantenuta: Napoli è tornata allo splendore  che si meritava!!

ALAN

FINE EMERGENZA NAPOLI (4)ultima modifica: 2008-07-21T17:30:00+02:00da alanfree1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento